Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

La Coppa Italia rimane a casa: Brescia battuto 7-8!

Coppa Italia, la Pro Recco fa sua la battaglia con il Savona: domani sarà finale!
12 Marzo 2022
La gioia di Sukno dopo il trionfo in Coppa Italia: “Vittoria bellissima, abbiamo un grande gruppo”
13 Marzo 2022
NEWS - ARTICOLI

la partita

La nona consecutiva, la sedicesima in bacheca: è della Pro Recco la Coppa Italia 2022. I biancocelesti superano il Brescia 7-8 in una partita emozionante con continui colpi di scena. Per Ivovic e compagni è il secondo trofeo di stagione dopo la Supercoppa Europea, vinto questa volta in “casa”, alle Piscine di Albaro, gremite.

Partita a scacchi in avvio, con Renzuto che sbatte sul palo e la prima superiorità di entrambe le squadre sulle braccia dei difensori. Dopo quattro minuti e mezzo la sblocca Hallock con Gitto nel pozzetto, ma è un vantaggio che dura poco perché Lazic tocca al volo sotto porta capitalizzando l’espulsione di Echenique: è 1-1, risultato che chiude il primo tempo.

Si riparte e Alesiani spreca una doppia superiorità, Bicari non sbaglia invece quella successiva per il +1 Brescia. Anche la Pro Recco è letale con l’uomo in più: Hallock la pareggia, Di Fulvio la ribalta con due gol di pregevole fattura per il 2-4. Alla terza doppia superiorità concessa da Colombo al Brescia arriva il gol del 3-4 segnato da Di Somma, punteggio che non cambia più fino all’intervallo lungo.

Tesanovic mura il tentativo di Figlioli, Del Lungo respinge Di Somma. A metà quarto, alla prima superiorità del tempo, Zalanki trova Younger sul primo palo: è il + 2 Pro Recco che fa scattare la vasca genovese da oggi intitolata alla memoria di Marco Paganuzzi. La difesa biancoceleste è di ferro come il braccio di Zalanki che da posizione 2 indovina il diagonale su cui il portiere avversario non può nulla: alla sirena è 3-6 per i campioni d’Europa.

Inizia l’ultimo tempo e la tensione punisce il Brescia: la ritardata uscita dalla vasca e le successive proteste costano il rosso a Renzuto e regalano alla Pro Recco il rigore che Zalanki trasforma per il massimo vantaggio biancoceleste. La reazione del Brescia è nel destro di Dolce che in superiorità riaccende la luce dei lombardi in zona gol dopo 12 minuti di buio (4-7). C’è ancora partita alle Piscine di Albaro perché Christian Presciutti da posizione 3 la mette nell’angolino a cinque minuti dalla fine e Dolce, in superiorità, sorprende Del Lungo da posizione 5. I ragazzi di Sukno non si scompongono e Zalanki va a segno con Vapenski nel pozzetto (6-8).
A tre minuti dalla fine Del Lungo para il rigore a Dolce del meno uno, poi più tardi si alza su Presciutti. Non è fatta, a novanta secondi dalla sirena Lazic accorcia in superiorità. Tesanovic para su Hallock, poi il centroboa americano finisce nel pozzetto: Bovo chiama time out a un minuto dalla fine ma Gianazza perde il pallone e la Pro Recco festeggia il suo secondo trofeo di stagione.

“Una grande partita contro un avversario forte e aggressivo, ma sapevamo quello che ci attendeva – le parole di mister Sukno -. Siamo riusciti a fare il nostro gioco, non era facile portarla a casa anche perché in certi momenti era complicato prevedere il metro di giudizio arbitrale. Abbiamo un grande gruppo e a loro ho voluto lasciare la festa finale: sono le "stelle" e meritano di godersi questi momenti”.

“Con il Brescia non è mai finita, è stata una partita dura e sono stati bravi gli arbitri a gestirla anche se ci sono state davvero tante espulsioni – il commento di capitan Ivovic -. Oggi secondo me ha vinto la squadra che ha avuto più pazienza e tranquillità, noi fino a metà del quarto tempo nonostante le tante espulsioni non abbiamo mai perso la lucidità continuando a fare il gioco che volevamo impostare, facendo una difesa eccezionale. Non ci siamo mai sbilanciati, Del Lungo è stato grande, ha parato tutto e anche un rigore che poteva essere molto pesante. Questa partita ci dà maggiore consapevolezza dei nostri mezzi”.

“Avevamo commesso due errori gravi sui gol di Dolce e Presciutti, la mia parata sul rigore ha ridato energia alla squadra – le parole di Del Lungo -. Sono davvero contento, è un’emozione unica sono quattro mesi che preparavamo questa sfida”

AN BRESCIA-PRO RECCO 7-8

AN BRESCIA: Tesanovic, Dolce 2, C. Presciutti 1, Costantin Bicari 1, Lazic 2, Vapenski, Renzuto Iodice, T. Gianazza, Alesiani, Balzarini, Di Somma 1, N. Gitto, M. Gianazza . All. Bovo

PRO RECCO: Del Lungo, Di Fulvio 2, Zalanki 3, Figlioli, Younger 1, Cannella, Presciutti, Echenique, Ivovic, Velotto, Aicardi, Hallock 2, Negri. All. Sukno

Arbitri: Severo e Colombo

Parziali: 1-1, 2-3, 0-2, 4-2
Spettatori 1000 circa.
Presenti il Sindaco di Genova Marco Bucci, l'Assessore allo Sport della Regione Liguria Simona Ferro, il Commissario Tecnico del Settebello campione del mondo Alessandro Campagna.
Superiorità numeriche: Brescia 6/16 + 1 rigore fallito, Pro Recco 5/14 + 1 rigore.
Usciti per limite di falli Renzuto (B) a 1.17 del quarto tempo, Ivovic (R) a 4.34 nel quarto tempo, Di Somma (B) a 6.00 nel quarto tempo; Hallock (R) a 6.30 nel quarto tempo, Gianazza T. 7.42 del quarto tempo.
Espulso Calderara (assistente tecnico Brescia) per proteste nel quarto tempo.
Del Lungo (R) para un rigore a Dolce (B) a 4.34 nel quarto tempo.