Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Coppa Italia, partenza lanciata dei biancocelesti: 21-3 al Trieste

Final 8 di Coppa Italia, Sukno: “Rosa al completo, pensiamo una partita alla volta”
10 Marzo 2022
Coppa Italia, la Pro Recco fa sua la battaglia con il Savona: domani sarà finale!
12 Marzo 2022
NEWS - ARTICOLI

la partita

La Pro Recco supera il primo ostacolo nella corsa verso la finale di Coppa Italia: contro un Trieste falcidiato dalle assenze, con solo undici giocatori in distinta, i biancocelesti si impongono facilmente per 21-3.

I ragazzi di Sukno partono con il piede sull’acceleratore e in meno di tre minuti sono già sul 4-0 con la doppietta di Aicardi e le reti singole di Zalanki e Di Fulvio. Passivo che i biancocelesti aumentano al suono della prima sirena, chiuso sul 7-2.

La Pro Recco continua a spingere nei successivi otto minuti e vola sul 10-2 con la terza marcatura di Aicardi, imitato poi da Cannella e Zalanki. Del Lungo è bravo a respingere ogni tentativo dei giuliani e così al cambio campo i campioni d'Europa vanno sul +8.

Le controfughe dei biancocelesti fanno male al Trieste, Echenique e Cannella puniscono la difesa avversaria (15-2) prima che Inaba riaccenda la luce in zona gol interrompendo un black out lungo 16 minuti.

All’ultimo tempo la Pro Recco nuota sul 17-2, con Negri che dà respiro a Del Lungo. Il numero 13 blinda la porta, davanti Ivovic e compagni non interrompono la produzione di reti con Aicardi, miglior marcatore di giornata, a calare il poker e a chiudere l’incontro sul 21-3.

“Abbiamo disputato una partita seria, contro un avversario che non si è presentato con la rosa al completo – commenta mister Sukno -. Abbiamo dimostrato di essere dentro il torneo, mi piace quando giochiamo con tanto movimento, adesso aspettiamo la nostra avversaria in semifinale”.

Domani la Pro Recco scenderà in vasca alle 17 contro la vincente di Savona - Anzio.

PRO RECCO-PALLANUOTO TRIESTE 21-3

PRO RECCO: Del Lungo, Di Fulvio 2, Zalanki 2, Figlioli 1, Younger 2, Cannella 3, Presciutti, Echenique 3, Ivovic 2, Velotto, Aicardi 4, Hallock 2, Negri. All. Sukno

PALLANUOTO TRIESTE: Oliva, Podgornik 1, Petronio 1, Buljubasic, Vrlic, Liprandi, Rigoni, Levis, Razzi, Inaba 1, Seppi. All. Bettini

Arbitri: L. Bianco e Nicolai

Parziali: 7-2, 3-0, 7-1, 4-0.
Trieste con 11 giocatori a referto. Cannella (R) ha fallito un tiro rigore (parato) a 4.00 nel quarto tempo.
Superiorità numeriche: Pro Recco 4/11 +2 rigori; Trieste 0/4.
Inaba e Podgornik (T) usciti per limite di falli a 5.20 e a 7.20 nel quarto tempo.