Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Che sofferenza: ma domani sarà semifinale!

Final 8, Tempesti: “Sarà un evento storico”
6 Giugno 2018
Ivovic a fine gara: “La tensione ci ha frenati, domani sarà più dura”
8 Giugno 2018
NEWS - ARTICOLI

La partita

Una partita bellissima, una sofferenza incredibile con la gioia che arriva solo dopo i penalty: nel quarto di finale di Champions League la Pro Recco supera il Brescia ai rigori per 12-10 (8-8 il risultato al termine dei quattro tempi) e si regala lo Jug Dubrovnik, la squadra che negli ultimi due anni ha eliminato i biancocelesti.
La tensione paralizza i padroni di casa e il Brescia ne approfitta in avvio con Muslim che elude la marcatura di Gitto, si gira e fredda capitan Tempesti. La Pro non ingrana, getta al vento tre superiorità, ma trova il pari a metà tempo sull’asse Echenique-Bodegas. Al quarto uomo in più la squadra di Vujasinovic passa in vantaggio: Molina da posizione 5 carica il diagonale vincente e infiamma la Sciorba a due minuti dalla sirena. Del Lungo si supera su Aicardi e inchioda il risultato sul 2-1.
Si riparte e succede di tutto: Tempesti salva su Janovic, Paskovic prende il palo e poi si fa cacciare per gioco aggressivo. A 110 secondi dall’intervallo lungo i biancocelesti allungano con Figari che non dà scampo a Del Lungo sul suo palo. Brescia impreciso con l’uomo in più, anche la sesta superiorità si infrange sulle manone di Tempesti che mura Christian Presciutti. Vujasinovic chiama il time out e Ivovic, da posizione 3, impallina il portiere lombardo e porta i suoi al cambio campo sul 4-1.
Il Brescia ritorna in gara con il mancino di Nora in superiorità. Dall’altra parte è il mancino di Filipovic a trovare il gol con il pallone che sbatte sul palo e poi carambola in rete dopo aver colpito Del Lungo. I lombardi non ci stanno e Muslim, con l’uomo in più, fa 5-3, imitato poco dopo da Bertoli sempre in superiorità. La reazione della Pro Recco è affidata a Echenique che però si infrange sul palo. Ivovic non sbaglia poco dopo infilando Del Lungo con un diagonale chirurgico per il 6-4 che conduce agli ultimi otto minuti.
L’ultimo tempo si apre con l’alzo e tiro di Muslim che riporta i suoi ad un gol dalla Pro Recco. La girata di Bodegas viene murata dalla traversa, Tempesti fa buona guardia ed Echenique, con la doppia superiorità, non lascia scampo a Del Lungo scatenando l’ira di Bovo, espulso. Il Brescia trova il pari con la doppietta di Rizzo, in superiorità: quando manca un minuto e 50 secondi la partita è sul 7-7.
La squadra di Vujasinovic però ha il braccio armato di Ivovic: alzo e tiro che piega le mani di Del Lungo e fa esplodere la Sciorba. Clima infuocato in vasca, ne fa le spese Christian Presciutti, terzo espulso tra le fila dei lombardi. La squadra di Bovo ha sette vite e pareggia ancora con Nora in superiorità a 18 secondi dal termine. Ivovic prova ancora la magia, ma il tiro centrale viene bloccato da Del Lungo che manda così la gara ai rigori: la Pro è perfetta, Muslim e Rizzo invece no con Tempesti a spiegare le ali. La Pro Recco vola in semifinale.

La sequenza dei rigori:
Janovic (B) gol
Filipovic (PR) gol
N. Presciutti (B) gol
Ivovic (PR) gol
Muslim (B) palo
Echenique (PR) gol
Rizzo (B) parato
Mandic (PR) gol

Per il tabellino clicca QUI

Gli altri quarti di finale:

Olympiacos – Spandau 6-5
Eger – Barceloneta 4-9
Jug Dubrovnik – Szolnok 9-8
Semifinali 5-8 posto:
ore 16: Spandau – Eger
ore 17.30: Szolnok - Brescia
Semifinali 1-4 posto
ore 19 Olympiacos – Barceloneta
ore 20.30 Pro Recco - Jug Dubrovnik