Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Champions, Hernandez suona la carica: “Girone difficile, in acqua pensando al nostro gioco”

A1, la prima di ritorno con il Quinto slitta al 23 gennaio
10 Dicembre 2020
PROfiles, la terza puntata con Matteo Aicardi
12 Dicembre 2020
NEWS - ARTICOLI

L'intervista

Dieci mesi di attesa, adesso il ritorno sul palcoscenico europeo è sempre più vicino. Direzione Ostia, qui la Pro Recco giocherà tre partite in tre giorni, tutte con inizio alle 20.15 e in diretta su Sky Sport: lunedì 14 dicembre contro il Marsiglia di Prlainovic, martedì la sfida all'Ortigia di Tempesti, mercoledì la chiusura del concentramento con lo Spandau 04 Berlino.

Quattro i posti in palio nel gruppo A - lo completano Olympiacos e Jug - per accedere alla Final Eight (3-5 giugno) di Hannover. "Ci attende un girone molto competitivo - ammette mister Hernandez - con formazioni che puntano a vincere la Champions League, per questo saranno partite difficili, dalla prima all'ultima".

Si comincia dal Marsiglia, una squadra che ha già disputato dieci gare di campionato - tutte vinte - e ha investito nel mercato estivo: "È vero hanno giocato più partite di noi che, di fatto, negli ultimi due mesi e mezzo siamo scesi in acqua soltanto due volte, per altro in gare non molto competitive. In questo momento loro sono una squadra più compatta rispetto a quello che possiamo essere noi oggi, ma siamo la Pro Recco, non cerchiamo scuse, scenderemo in vasca per dare il massimo, pensando soltanto al nostro gioco, quello che stiamo allenando da tre mesi".

In Champions League, aspettando il ritorno di Aicardi, la Pro Recco potrà contare anche sui due centroboa di coppa, Hallock e Dobud: "Avrò a disposizione una squadra un po' diversa dal campionato, con due giocatori specifici che ci daranno sicuramente un'altra prospettiva di gioco. Questi concentramenti cambiano il nostro modo di allenarci, perché un conto è affrontare una partita sola, diverso è invece farne tre in tre giorni di fila, anche se poi questa sarà la formula che ci troveremo alla Final Eight di Hannover. Da tempo questo non accadeva più nella pallanuoto, dobbiamo farci trovare pronti e prepararci al meglio".