Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Ch. League, poker biancoceleste: 14-9 allo Spandau

Ch. League, Velotto: “Con lo Spandau per capire a che punto siamo”
30 Novembre 2021
Ch. League, gli highlights della vittoria sullo Spandau
2 Dicembre 2021
NEWS - ARTICOLI

La partita

La Pro Recco batte lo Spandau Berlino e allunga in vetta al girone B di Champions League: il 14-9 che matura alle Piscine di Albaro permette ai biancocelesti di salire a 12 punti, tre in più di Marsiglia e Jug, nuove inseguitrici dopo lo stop dell’Osc Budapest.

Biancocelesti avanti dopo 100 secondi: Figlioli, in superiorità da posizione 2, buca Baksa. Zalanki raddoppia, ma i tedeschi pareggiano nel giro di due minuti: Strelezkij, con l’uomo in più, e Restovic fanno male a Del Lungo. I ragazzi di Sukno continuano a macinare gioco e tornano sul +2 con Velotto e Presciutti (4-2) a 50 secondi dalla sirena. Fuochi d’artificio nel finale: girata al volo di Cuk in superiorità a cui replica la saetta di Di Fulvio da posizione 4 per il 5-3 che chiude il quarto.

Botta e risposta in apertura di secondo tempo tra Zalanki e Kholod, poi i biancocelesti prendono il largo e volano sul 9-4: Younger in superiorità servito da Presciutti, tap-in di Di Fulvio su palo di Zalanki, bolide di Cannella che non lascia scampo al portiere Vernet, tra i pali al posto di Baksa da inizio del quarto. Juengling accorcia prima del gol di Presciutti in superiorità. Chiru, con l’uomo in più, segna l’ultimo gol del secondo tempo (10-6).

La Pro Recco segna subito nel terzo quarto con Younger da posizione 4, poi portieri protagonisti in vasca: agli ultimi otto minuti si va sull’11-6.

Ivovic con Restovic nel pozzetto sigla il 12-6 dopo 50 secondi del quarto tempo, ma Dedovic e Sekulic accorciano a cinque minuti dalla fine (12-8). I campioni d’Europa la chiudono con Cannella, che infila Baksa sopra la testa, e Loncar, rapace ai due metri con l’uomo in più (14-8). L’ultima rete dell’incontro è di Dedovic e arriva a poco più di un minuto dalla sirena.

“Abbiamo vinto e questa è la cosa più importante – afferma mister Sukno – ma la prestazione non mi è piaciuta, abbiamo giocato senza ritmo, senza aggressività, sbagliando parecchio in difesa. Mi auguro che vada meglio nelle prossime partite”.

Pro Recco: Del Lungo, Di Fulvio 2, Zalanki 2, Figlioli 1, Younger 2, Cannella 2, Presciutti 2, Echenique, Ivovic 1, Velotto 1, Aicardi, Loncar 1, Negri. All. Sukno.

Spandau: Baksa, Nikolaidis, Chiru 1, Cuk 1, Tkac, Juengling 1, Strelezkij 1, Dedovic 2, Dyck, Kholod 1, Restovic 1, Sekulic 1, Vernet. All. Kovacevic.

Arbitri: Franulovic (Croazia), Putnikovic (Serbia).

Parziali: 5-3, 5-3, 1-0, 3-3.
Superiorità: Pro Recco 6/13, Spandau 4/8.
Nessuno uscito per limite di falli.