Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Ch. League, Osc al tappeto: voliamo a Belgrado!

Settore giovanile, i risultati dell’ultimo turno
22 Febbraio 2022
Ch. League, Sukno: “Vittoria e pass per Belgrado, ma è difficile giocare con questi arbitraggi”
23 Febbraio 2022
NEWS - ARTICOLI

La partita

La Pro Recco batte l’Osc Budapest e strappa il pass per la Final Eight di Belgrado: all’Aquamore Bocconi Sport Center di Milano - tutto esaurito - i campioni d’Europa si impongono per 17-14 nella decima giornata di Champions League. Protagonista di serata il mancino Zalanki che abbatte la sua ex squadra con 6 reti. Si chiude così, con una vittoria, il trittico di partite nel capoluogo lombardo.

Senza Echenique, Figlioli e Bertoli, mister Sukno concede minuti al giovane Marini. È un primo tempo pirotecnico quello a cui assiste il pubblico milanese, con l’Osc che riprende quattro volte i biancocelesti; i campioni d’Europa però si riportano davanti prima della sirena con l’incursione di Presciutti che non dà scampo a Levai per il 5-4 che chiude il tempo.

Vantaggio che la Pro Recco aumenta in avvio di secondo quarto: uomo più magistralmente giocato da Velotto per Aicardi che non sbaglia il comodo tocco sotto porta. Il gol di Csacsovszky riporta gli ungheresi ad un gol dal pari, ma i ragazzi di Sukno piazzano il break e scappano con Ivovic, Cannella e Velotto per il 9-5 che costringe Varga a chiamare il time out. Strigliata che porta i suoi frutti perché Manhercz, con Presciutti nel pozzetto, va a segno: al riposo lungo si va sul 9-6. I biancocelesti sprecano una doppia superiorità, poi Zalanki da posizione 2 a metà del terzo tempo non lascia scampo al portiere ospite. Toth in superiorità e Manhercz non sbagliano per il -2 ungherese, ma Zalanki fa tris con l’uomo in più. Mano calda che ha anche Manhercz: il numero 3 magiaro supera Del Lungo per la quarta volta a due minuti dalla sirena. Sukno chiama time out e cambia in porta, ma Negri viene subito battuto dalla splendida palomba di Csacsovszky (11-10). Ci pensa Velotto a svegliare i suoi: a sessanta secondi dalla sirena il numero 10 regala ossigeno sorprendendo Levai. Il numero uno ungherese si riscatta nel finale di quarto respingendo il rigore di Ivovic: agli ultimi otto minuti si nuota così sul 12-10.

I ragazzi di Sukno vanno subito sul +3 con il solito missile di Zalanki che si ripete dopo il gol di Csacsovszky (14-11) segnando la sua quinta rete di serata. Spettacolo alla Bocconi: girata di Harai a cui risponde il tiro al volo di Di Fulvio, fulmine che vale il 15-12 a tre minuti dalla fine. Il sigillo sul match lo mette ancora Zalanki, in superiorità, per il +4 che di fatto toglie ogni speranza ai magiari.

“Difficile giocare con questo criterio di arbitraggio, davvero complicato da comprendere – commenta mister Sukno. Si sono viste tante espulsioni e quando si fischiano così tante espulsioni è più semplice giocare contro di noi senza la possibilità di alzare il ritmo. Bene comunque non aver perso la testa e aver portato a casa i tre punti che ci qualificano a Belgrado”.

Pro Recco: Del Lungo, Di Fulvio 2, Zalanki 6, Marini, Younger, Cannella 3, Presciutti 1, Hallock, Ivovic 1, Velotto 3, Aicardi 1, Loncar, Negri. All. Sandro Sukno

Osc Budapest: Levai, Sziladi, Manhercz 4, Varnai, Aranyi, Csacsovszky 4, Dala, Toth 2, Vigvari 1, Burian 2, Bundschuh, Harai 1, Devai. All. Daniel Varga.

Arbitri: Putnikovic (Serbia), Gomez (Spagna).
Parziali: 5-4, 4-2, 3-4, 5-4.

Superiorità numeriche: Pro Recco 6/13, Osc 6/14. Rigori: Pro Recco 0/1; Osc 1/1.
Presciutti (PR), Varnai e Bundschuh (OSC) usciti per limite di falli nel quarto tempo.
Levai (OSC) para rigore a Ivovic (PR) nel terzo tempo.