Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Home

PRO RECCO
WATERPOLO
1913

La squadra più titolata al mondo


RISULTATI RECENTI

Pro Recco

15 - 5

Telimar

30 Novembre 2021

Ch. League, Velotto: “Con lo Spandau per capire a che punto siamo”

29 Novembre 2021

Settore giovanile, i risultati del week end

ULTIMI VIDEO

Segui il nostro canale

30 Novembre 2021

Ch. League, Velotto: “Con lo Spandau per capire a che punto siamo”

28 Novembre 2021

Riguarda i gol del successo sul Telimar

21 Novembre 2021

Ch. League, gli highlights della vittoria sulla Stella Rossa

 

La Rosa


 
Giacomo Cannella
Attaccante

Attaccante, nato a Roma il 12 febbraio 1997, è cresciuto nella Lazio e nelle ultime due stagioni ha indossato la calottina del Brescia, squadra con cui era in scadenza di contratto. Con i campioni d’Europa ha firmato un accordo quadriennale.
La Liguria nel destino di Giacomo, meta ben conosciuta in famiglia: suo nonno da parte materna, Gianfilippo Zichele, è genovese; è stato un giocatore di pallanuoto del Nervi ed è grazie a lui se comincia a praticare questo sport.

Sandro Sukno
Allenatore

Sandro Sukno è l’allenatore della Pro Recco dal giugno 2021. Nato a Dubrovnik, il 30 giugno 1990, nell’ultima stagione ha allenato il Primorac Kotor, in Montenegro; è stato il vice di Ivica Tucak nella nazionale maggiore croata alle Olimpiadi di Tokyo. Si tratta di un ritorno in biancoceleste: da giocatore, infatti, Sukno ha militato per tre stagioni nella Pro Recco prima di fermarsi, nel dicembre 2017, per un problema cardiaco.

Uno stop che arriva nel momento in cui Sandro è al top della sua carriera: il mondiale vinto con la Croazia a Budapest, da autentico trascinatore, lo consacra come il miglior giocatore del mondo, tra i più grandi della pallanuoto moderna. Qualche mese dopo, a settembre, ecco l’imprevisto, scoperto nelle consuete visite mediche pre-stagione alla clinica Montallegro e confermato dal professor Zeppilli, uno dei luminari in materia; mesi di attesa, poi la fiammella della speranza si spegne definitivamente a dicembre e neppure una operazione negli Stati Uniti, a Cleveland, permette di riaccenderla.Addio calottina, Sandro indossa la camicia e comincia la carriera da allenatore nello staff della nazionale croata; nell’estate 2020 viene chiamato alla guida del Primorac Kotor, formazione che disputa l’Euro Cup – uscendo agli ottavi di finale – e si piazza al secondo posto nel campionato montenegrino. A 31 anni ancora da compiere il cerchio si chiude.

Marco Del Lungo
Portiere

Il portiere campione del mondo con il Settebello arriva dal Brescia, squadra in cui militava dal 2011. Nato a Tarquinia, il primo marzo 1990, ha firmato con il club campione d’Europa un contratto triennale. Cresciuto nel Civitavecchia, da gennaio 2021 è entrato in forza all’Esercito italiano. Il suo modello è Goran Volarevic.

Pietro Figlioli
Attaccante

Nato il 29 maggio 1984 a Rio de Janeiro, Pietro è potenza e personalità allo stato puro. Capitano del Settebello campione del mondo a Gwangju, è ritornato a Recco nell’estate del 2019 dopo aver indossato la calottina biancoceleste dal 2006 al 2007 e dal 2009 al 2017. Ha ritrovato la sua numero 4, marchio inconfondibile del giocatore beniamino dei tifosi.

Nicholas Presciutti
Difensore

Nato a Roma il 14 dicembre 1993, nelle ultime sette stagioni ha militato nel Brescia. Entrambi i suoi due fratelli, Christian e Daniel, sono pallanuotisti.
Bronzo alle Olimpiadi di Rio 2016, con il Settebello ha già sfondato il muro delle cento presenze e i grandi obiettivi biancocelesti potranno essere la vetrina per conquistarsi un posto fisso nell’Italia che a Tokyo 2021 difenderà il titolo iridato. Da attaccante a difensore di caratura internazionale, l’evoluzione di Nicholas vivrà un ulteriore step in Liguria dove ha la cattedra il migliore marcatore del mondo, il capitano della Pro Recco Aleksandar Ivovic.

Luka Loncar
Centroboa

Il centroboa croato, nato a Zagabria il 26 giugno 1987, arriva dallo Jug Dubrovnik, formazione in cui militava dal 2015. È cresciuto nella Mladost e ha giocato per due stagioni (2011-2013) nel Brescia. Con la sua nazionale ha vinto il campionato del mondo a Budapest nel 2017 e l’argento olimpico a Rio 2016.

Matteo Aicardi
Centroboa

Nato a Finale Ligure il 19 aprile del 1986, comincia la carriera pallanuotistica nelle giovanili della Rari Nantes Imperia: lo convince il compagno di banco che a disposizione gli mette il trasporto da e per la piscina; da otto anni è un punto fermo della Pro Recco e del Settebello.
Amante della fotografia, è chiamato il “Cavaliere Mascherato” per quel tutore al naso indossato alle Olimpiadi di Rio che lo rese epicamente battagliero.

Ben Hallock
Centroboa

Centroboa nato a Santa Barbara il 22 novembre 1997, è arrivato a Recco nell’estate 2020. A dispetto della giovane età, Hallock ha già disputato una Olimpiade con la nazionale statunitense (Rio 2016) e vinto, con la calottina dell’Università di Stanford, le ultime due edizioni del “Peter J. Cutino Award”, il prestigioso premio assegnato ogni anno al miglior giocatore del campionato NCAA, in passato conquistato tra gli altri da Tony Azevedo e Kostas Genidounias. Il giocatore a cui si ispira è un ex biancoceleste, Boris Zlokovic.

Alessandro Velotto
Centrovasca

Nato a Napoli il 12 febbraio del 1995, il talentuoso difensore cresciuto nel quartiere di Ponticelli arriva in biancoceleste nel 2018 dal Circolo Canottieri Napoli: con la squadra giallorossa ha vinto diversi scudetti a livello giovanile e si è imposto all’attenzione del grande pubblico. A dispetto della giovane età, è da anni un punto fisso del Settebello: in Nazionale ha già superato il traguardo delle 100 presenze conquistando due bronzi, agli Europei di Budapest nel 2014 e alle Olimpiadi di Rio nel 2016, e un argento alla World League di Ruza nel 2017. Nel 2019 è stato uno dei pilastri del Settebello campione del mondo.

Tommaso Negri
Portiere

Nato a Genova il 26 maggio 1986, arriva dal Posillipo, squadra in cui ha militato dal 2007. Il ritorno in Liguria assomiglia molto alla chiusura di un cerchio: con la calottina biancoceleste, infatti, Tommaso ha fatto il suo esordio in serie A1 a 16 anni nel marzo 2003, stagione che si concluse con la conquista della Coppa campioni alla Sciorba.
Per lui, poi, quattro anni a Bogliasco prima di salpare per Napoli: in rossoverde ha vinto l’Euro Cup nel 2015. Selezionato nel Settebello che giocò i mondiali del 2009, la Nazionale nell’anno olimpico è un sogno da coltivare con sano realismo. Sempre con la calottina numero 13 in testa, il suo portafortuna.

Gonzalo Óscar Echenique
Attaccante

“El Chalo” nasce in Argentina a Rosario il 27 aprile 1990, ma è naturalizzato italiano e con il Settebello ha vinto il mondiale in Corea del Sud nel 2019. Attaccante mancino, in Liguria dal 2016, ha nel passaggio la sua dote migliore.
In carriera ha vinto 2 campionati iberici e 5 coppe di Spagna più due Supercoppe spagnole con il Barceloneta; nella stagione 2013/2014 ha conquistato, sempre con il club catalano, la Champions League. A Recco la sua bacheca si è arricchita con tre Scudetti e altrettante Coppe Italia. Appassionato di calcio, è tifosissimo del Newell’s Old Boys. Se non ci credete guardate attentamente la sua schiena…

Francesco Di Fulvio
Centrovasca

Intelligenza e precisione, con una buona dose di potenza che i portieri avversari conoscono bene. D’altronde il talento è nel Dna di una famiglia che la pallanuoto la vive, da decenni, a grandi livelli. Nato a Pescara il 15 agosto del 1993, è fresco vincitore del Len Award 2019. Ha trascinato il Settebello alla vittoria del mondiale a Gwangju venendo nominato migliore giocatore della competizione.

Aaron Younger
Attaccante

Nato a Attadale, il 25 settembre 1991, è il capitano della nazionale australiana. Giocatore universale, gran tiratore e abile nelle due fasi, ha passaporto ungherese: è considerato tra i più forti al mondo. Arriva in Italia dopo due stagioni al Ferencvaros.
La sua carriera in Europa è cominciata nel 2010: prima di vestire la calottina del sodalizio di Budapest ha indossato quelle di Szeged, Jug Dubrovnik e Szolnok. Negli ultimi tre anni ha vinto due Champions League, con il Szolnok nel 2017 e con il Ferencvaros nel 2019. Con la nazionale ha disputato le Olimpiadi di Londra e Rio.

Gergo Zalanki
Attaccante

Il mancino ungherese, nato il 26 febbraio 1995, arriva dal Ferencvaros, squadra in cui ha militato nelle ultime due stagioni. Campione d’Europa in carica con la sua nazionale, ha iniziato la carriera nell’Eger prima di trasferirsi all’Osc e al Szolnok. I campioni d’Europa aggiornano così la tradizione magiara che negli anni ha portato in Liguria, tra gli altri, atleti del calibro di Benedek, Kasas, Madaras, Marcz. Proprio con la sua nazionale ha vinto il bronzo alle ultime Olimpiadi di Tokyo.

Zeno Bertoli
Difensore

Difensore con il vizio del gol, nato a Napoli il 22 Dicembre 1988, arriva dal Posillipo, squadra in cui ha militato nell’ultima stagione e in cui è cresciuto prima di trasferirsi per cinque anni a Brescia. Con la calottina del Settebello ha collezionato 66 presenze e un argento agli Europei di Zagabria nel 2010. In bacheca ha due Len Euro Cup. Laureato in Economia, è tifosissimo del Napoli e grande appassionato di basket, in particolare dei Miami Heat.

Aleksandar Ivovic
Difensore

È considerato universalmente uno dei difensori più forti al mondo, nonché tra i giocatori più completi.
Leka, nato il 24 febbraio del 1986, è il capitano del Montenegro e della Pro Recco, l’incubo dei centroboa: sfuggire alle sue grinfie è missione impossibile. Fuori dalla vasca sono epiche le sue sfide a “cirulla” con Di Fulvio.