Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Una fantastica Pro Recco espugna Dubrovnik

Vujasinovic: “Con lo Jug mi aspetto un passo in avanti”
6 Dicembre 2016
Ivovic: “Difficile vincere qui. Felici per noi e la società”
10 Dicembre 2016
NEWS - ARTICOLI

Una fantastica Pro Recco espugna Dubrovnik

Una fantastica Pro Recco espugna la Gruz di Dubrovnik, fortino dello Jug inviolato in Europa dal marzo 2014

I biancocelesti si impongono in casa dei campioni in carica per 11-8 e salgono a sei punti in classifica.
La seconda giornata di Champions League porta qualche cambiamento rispetto all’esordio di Albaro con l’Hannover: la rotazione di mister Vujasinovic permette il rientro di Fondelli e Di Fulvio, con Figari e Di Somma fuori dai tredici al pari dell’infortunato Aicardi.
Partita intensa e molto fisica, come prevedibile, con quattro gol nel primo tempo tutti in superiorità: la sblocca Mandic con un sinistro che non lascia scampo a Bijac. Dall’altra parte Jokovic riporta in equilibrio la partita con un’azione corale a sfruttare l’uomo in più. Equilibrio e tensione, con Filipovic a mandare avanti i biancocelesti; gioia subito spenta da Fatovic, sul finire del tempo.
Si ricomincia ma il copione è sempre lo stesso: si segna solo in superiorità.
La Pro Recco manda in rete il terzo mancino, Echenique, i rossoblu di Kobescak pareggiano con Obradovic che toglie le ragnatele dalla porta di Tempesti.
I ragazzi di mister Vujasinovic non si scompongono e tentano l’allungo con Ivovic e Filipovic, entrambi a segno in situazione di parità numerica.
Garcia emula il compagno Obradovic e riduce il distacco, ma un’invenzione di Filipovic – passaggio filtrante meraviglioso – imbecca Ivovic in avanzata offensiva: tocco al volo e Bijac beffato. È la serata dei mancini e allora Mandic esplode il suo: biancocelesti sul più tre. Tempesti è fenomenale su Jokovic lanciato a rete in controfuga. Gol sbagliato, gol subito: e così tocca a Sukno inserire il suo nome sul tabellino per il 4-8 di metà gara.
Cambio campo e Filipovic, su rigore causato da un fallo di Garcia, insacca per il più cinque. Botta e risposta tra Perrone e Di Fulvio, poi Figlioli sulla sirena si esibisce nella palombella perfetta che vale l’11-5: a otto dal termine la gara è in ghiaccio.
La Pro Recco abbassa i ritmi, lo Jug ha un sussulto con due bolidi di Fatovic e l’incursione di Perrone: sono rossoblu gli unici tre gol della quarta frazione, ma a sorridere sono i ragazzi di mister Vujasinovic.

JUG

Bijac, Macan, Fatovic 3, Loncar, Jokovic 1, Garcia 1, Vrlic, Ivankovic, Pavlicevic, Perrone 2, Benic, Obradovic 1, Popadic. All. Vjekoslav Kobescak

PRO RECCO

Tempesti, Di Fulvio 1, Mandic 2, Figlioli 1, Molina, Pijetlovic, Sukno 1, Echenique 1, Fondelli, Filipovic 3 (1 Rig), Bodegas, Ivovic 2, Volarevic. All. Vladimir Vujasinovic

Arbitri: Alexandrescu (Romania), Sadekov (Russia)
Parziali: 2-2, 2-6, 1-3, 3-0
Note: usciti per limite di falli Macan (J) nel III tempo; Figlioli (PR) nel IV tempo; superiorità numeriche Jug 4/11, Pro Recco 4/9 + 1 rigore trasformato