Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Maledizione Jug, siamo fuori dalla finale

Ancora lo Jug sulla strada per la coppa
25 Maggio 2017
Vlado amaro: “La colpa di questa sconfitta è solo mia”
26 Maggio 2017
NEWS - ARTICOLI

sconfitta per 10-9

La maledizione dello Jug colpisce ancora la Pro Recco: a Budapest i campioni in carica vincono per 10-9 e conquistano la finale di Champions League. Una beffa atroce per i ragazzi di Vujasinovic che sotto per oltre metà gara erano riusciti a rimontare e portarsi in vantaggio a quattro minuti dalla fine del terzo tempo.
LA GARA - Lo Jug ha giocato ieri, è già in ritmo partita e i biancocelesti faticano ad entrare in gara. E così l'alzo e tiro di Jokovic, dopo 3 minuti, porta in vantaggio i croati. Pro Recco che non trova sbocchi e la controfuga di Loncar manda i campioni d'Europa sul +2. Fondelli va nel pozzetto: Vrlic non sbaglia il 3-0 a due passi da Tempesti. La Pro Recco non abbassa la testa e con l'uomo in più la mette dentro grazie al solito bolide di Ivovic. Ancora più tre Jug, però, con Obradovic che sfrutta una doppia superiorità. A 19 secondi dalla prima sirena Pijetlovic si guadagna un rigore: Sukno dai cinque metri ridà ossigeno ai ragazzi di Vujasinovic per il 4-2 che chiude il primo parziale.
Tre minuti del secondo tempo, Sukno inventa per Di Fulvio che ubriaca il numero uno avversario e sigla il 4-3. Botta e risposta Benic-Filipovic nello spazio di venti secondi, poi è il mancino di Garcia Gadea a tenere la Pro Recco a distanza di sicurezza per il 6-4 di metà tempo.
Cambio campo e biancocelesti in rete con Mandic, da posizione 1, che infila Bijac sul suo palo. Pari che si materializza con Sukno in situazione di superiorità. A metà del terzo tempo la Pro Recco corona la sua rincorsa: Filipovic (uomo in più) dà una lezione pratica del perché sia considerato il migliore al mondo. Markovic da posizione 5 rimette in equilibrio la gara. Altalena di emozioni alla Danube Arena: Jug di nuovo avanti con l'alzo e tiro di Loncar che schizza sull'acqua, sbatte sulla traversa ed entra in rete. I croati segnano ancora con Garcia Gadea che trova il diagonale vincente a 130 secondi dalla sirena. Filipovic regala una piccola boccata d'ossigeno a 2 secondi dal termine del terzo tempo capitalizzando una superiorità.
Ultimo otto minuti e Jug di nuovo in rete con Perrone (uomo in più) a battere Tempesti poi sostituito da Volarevic per il 10-8. È di nuovo Filipovic (poker per lui) a riportare sotto i biancocelesti. A 30 secondi dalla sirena, però, la palombella del numero 10 si spegne sulla traversa: è l'ultima occasione, la Pro Recco domani giocherà solo per il terzo posto.

Per il tabellino clicca QUI