Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Di Fulvio supera tutti: è suo il Len Award 2019!

Swimming World Magazine sceglie Di Fulvio: è il pallanuotista dell’anno!
3 Gennaio 2020
Europei, c’è una squadra biancoceleste a Budapest
10 Gennaio 2020
NEWS - ARTICOLI

Il premio

Francesco Di Fulvio ha vinto il Len Award 2019, il più importante riconoscimento a livello individuale nella pallanuoto. Il giocatore della Pro Recco e della Nazionale ha raccolto il 52,2% dei voti espressi dalle federazioni nazionali europee e dai funzionari Len (membri dell'ufficio di presidenza e dei vari comitati). Dietro di lui Dani Lopez Pinedo (Spagna - 17,4%), Nikola Jaksic (Serbia - 13,8%), Marton Vamos (Ungheria - 8,3%), Ante Vukicevic (Croazia - 8,3%).
Di Fulvio - nominato di recente miglior atleta dell'anno da Swimming World Magazine - succede ad un altro giocatore della Pro Recco, Filipovic, ed è il secondo italiano nella storia a ricevere il premio: nel 2011 fu Stefano Tempesti a sbaragliare la concorrenza.
"È una grande soddisfazione, il coronamento di una bella stagione con la Pro Recco e il Settebello, ringrazio tutti quelli che mi hanno votato - commenta il numero 2 biancoceleste -. Ai traguardi personali, però, ho sempre anteposto le vittorie di squadra e spero di poter vivere un'altra annata ad altissimo livello per aiutare i miei compagni a raggiungere tutti gli obiettivi. Voglio condividere questo premio con la mia famiglia, in particolare con i miei nonni Umberto e Gianna che mi seguono sempre nonostante l'età. E poi voglio ringraziare tutti gli allenatori che ho avuto per la fiducia che hanno sempre dimostrato di avere in me. Mai avrei pensato di poter raggiungere un traguardo così importante, ma ora non mi voglio fermare, ho 26 anni e sento di poter crescere: il Di Fulvio migliore non si è ancora visto".