Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

La Pro Recco fa il colpo a Eger e allunga in vetta

Vujasinovic avverte: “Eger gara non semplice, ma vogliamo i tre punti”
19 Dicembre 2016
Molina: “Una grande gara in fase difensiva”
22 Dicembre 2016
NEWS - ARTICOLI

La Pro Recco fa il colpo a Eger e allunga in vetta

Un regalo di Natale scartato con quattro giorni d’anticipo: la Pro Recco espugna Eger, 7-11 il finale, e si conferma in testa, a punteggio pieno, nel girone B di Champions League. Una vittoria importante che alla luce dei risultati odierni (due pareggi nelle altre partite) avvicina i biancocelesti all’obiettivo del primo posto che vale l’accesso diretto alla semifinale.
Nella trasferta magiara Vujasinovic ritrova Sukno e schiera Figari al posto di Bodegas, con Mandic e Pijetlovic a darsi il cambio nel ruolo di centroboa. Due traverse di Hosnyanszky e Di Fulvio aprono il match nel catino di Eger. Figari in superiorità, imbeccato da un passaggio no look di Molina, segna al volo ad un passo dal numero uno avversario: dopo 1:47 la Pro Recco è davanti. Il più due si materializza a metà tempo con Pijetlovic servito da Filipovic. Gli ungheresi spingono e accorciano: il destro di Cuk, deviato da Mandic, sbatte sul palo e trafigge Tempesti. Un alzo e tiro di Bedo pareggia i conti a trenta secondi dal termine.
Tocca a Filipovic, dopo un minuto e dieci secondi, riportare avanti i biancocelesti con un rigore - causato da Decker - che non lascia scampo al connazionale Mitrovic. Freddezza che non hanno Figlioli e Kovacs: dal dischetto immaginario dei cinque metri entrambi vengono murati da Mitrovic e Tempesti. Si va così al riposo lungo sul 2-3.
La Pro Recco riparte convinta e si porta sul più due con un sinistro incrociato di Filipovic che supera Mitrovic a 23 secondi dal via. Il numero uno serbo si lascia sorprendere, un minuto più tardi, dal destro di Molina che vale il 5-2. Tempesti para tutto e quando non ci arriva ci pensa la traversa, sul bolide di Cuk, a salvarlo. Il capitano si deve inchinare (dopo sedici minuti di imbattibilità) al tiro chirurgico del numero sette avversario. Finale incandescente con Pijetlovic, in superiorità, e Erdelyi, su rigore, per il 4-6 che conduce le squadre all’ultimo quarto.
Molina trova subito il varco giusto e riporta a distanza di sicurezza i biancocelesti. Gioia che dura poco, perché Bedo, con l’uomo in più, rimette in carreggiata la squadra di Dabrowsky. Il pubblico spinge i magiari, ma Fondelli (in superiorità) ammutolisce la piscina con un tiro centrale dai sei metri che si infila sotto la traversa: a cinque dal termine la Pro Recco è sul più tre. La stanchezza si fa sentire e le difese si aprono: Vapenski trova la traiettoria perfetta e sigla la sesta marcatura dell’Eger, mentre l’alzo e tiro di Sukno, seguito dal tocco sotto misura di Mandic in versione centroboa, fa registrare il più quattro a due dal termine che chiude definitivamente i giochi. C’è ancora tempo per un gol di Pijetlovic, con l’uomo in più, e per il rigore trasformato da Erdelyi, il terzo in favore dell’Eger.
Per il tabellino: www.microplustiming.com/LENChampionsLeague/indexCL_web.php?c=ASM&g=1&t=A01&gr=2&s1=EGE&s2=REC&st=0&ifs=0