Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Il saluto del patron Volpi: “Insieme a Filip momenti indimenticabili”

L’emozione di Filipovic: “Grazie Recco, resterai per sempre nel mio cuore”
11 Maggio 2020
In bocca al lupo gigante!
13 Maggio 2020
NEWS - ARTICOLI

Il Club

Centinaia di gol. Potenza, fantasia, intelligenza. Le leggi della fisica spesso sfidate e riscritte. Non può essere un addio come gli altri quello di Filip Filipovic. Per quello che ha dato e vinto in nove stagioni con la calottina biancoceleste. Per la bellezza delle sue giocate, da vedere e rivedere. Il tributo del Club è il giusto riconoscimento per questo numero 10 arrivato in Liguria nel 2009 e nominato, per ben quattro volte, come migliore giocatore al mondo.

"Insieme a Filipovic abbiamo vissuto momenti indimenticabili – afferma il patron Gabriele Volpi -. Da grande appassionato di pallanuoto lo ringrazio di cuore per quello che ha dato alla Pro Recco, come sportivo e come uomo. Gli auguro un luminoso proseguimento di carriera".

"Vedere Filipovic in acqua è appagante per ogni amante della pallanuoto, ma oltre ad essere un grande campione, come dimostrano la sua carriera e le sue giocate, è un professionista straordinario, un uomo vero, un leader esemplare - aggiunge il presidente Maurizio Felugo -. Allenarsi ogni giorno con un atleta come Filip, che ha vinto tutto ma vive ogni seduta come una finale olimpica, è stato un valore aggiunto anche per i tanti ragazzi che negli anni hanno indossato la nostra calottina. L'apporto che ha fornito alla squadra è andato oltre le sue prestazioni individuali, gli vorremo sempre bene".

“È stato un giocatore molto importante in campo e fuori per la Pro Recco: Filipovic è una persona seria, colta, con cui ci scambiavamo spesso pareri – racconta Eraldo Pizzo -. Pallanuotisticamente lo considero come un figlio adottivo, stima che penso sia reciproca. Dispiace salutarlo, ma lo sport è fatto così: gli auguro ogni bene e sono sicuro che, vista la sua intelligenza, farà strada anche nella vita quando chiuderà la carriera da giocatore".