Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Ecco Renzuto Iodice: “Un onore arrivare nella famiglia biancoceleste”

Rudic si presenta: “Impossibile rifiutare questo Club”
26 Giugno 2018
Auguri al patron gabriele volpi!
29 Giugno 2018
NEWS - ARTICOLI

Il Comunicato

Il Presidente Maurizio Felugo è lieto di annunciare l'arrivo alla Pro Recco Waterpolo 1913 di Vincenzo Renzuto Iodice. Attaccante, nato a Napoli l'8 aprile del 1993, ha giocato l'ultima stagione con i croati dello Jug Dubrovnik vincendo campionato, coppa di Croazia e Lega Adriatica. Cresciuto nel Posillipo, con cui ha conquistato la Len Euro Cup nel 2015, è ormai un punto fisso del Settebello. Ed è proprio dal ritiro azzurro, in preparazione ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona, che il neo biancoceleste esprime la propria gioia per l'approdo nel Club campione d'Italia: "La Pro Recco è la squadra più titolata al mondo, ogni anno lotta per vincere tutto e penso abbia i migliori giocatori, quindi per me è un onore arrivare in questa squadra. I miei compagni di Settebello che giocano a Recco mi hanno raccontato che, oltre ad essere una squadra fortissima e piena di campioni, è una vera famiglia".
In biancoceleste Renzuto Iodice ritroverà anche Marko Bijac, suo capitano allo Jug: "È un portiere fortissimo, ma è anche una persona molto semplice e un atleta esemplare. Ho un ottimo rapporto con lui e sono contento di giocarci ancora insieme". Chiusura dedicata a mister Rudic, ulteriore opportunità di crescita per un giocatore che negli ultimi anni ha saputo attirare su di sé le luci dei riflettori: "Sicuramente sarà un onore e un grande stimolo essere allenato dall'allenatore considerato il migliore nella storia della pallanuoto. Spero di rubare il più possibile dalla sua esperienza".