Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Di Somma atto II: “A Recco per affermarmi e imparare dai migliori”

C’è Prian per la porta: “Un premio ai sacrifici, dimostrerò di poterci stare”
3 Luglio 2019
Cap Challenge 2019: è di Tempesti la calottina autografata più venduta!
9 Luglio 2019
NEWS - ARTICOLI

L'acquisto

Edoardo Di Somma è un nuovo giocatore della Pro Recco. Nato a Genova il 30 settembre 1996 è cresciuto nel Bogliasco e ha militato nelle ultime due stagioni alla Sport Management. Ha già indossato la calottina dei campioni d'Italia, nel 2016/2017, vincendo Scudetto e Coppa Italia. Con lui saranno sei i liguri presenti in rosa.
"In questi ultimi due anni ho giocato molto, sono cresciuto rispetto alla mia prima esperienza a Recco e sento di essere all'altezza di questo gruppo. Lavorerò ogni giorno per conquistare la fiducia di mister Rudic e prendermi un posto tra i tredici che a fine stagione scenderanno in acqua nelle partite importanti".
I biancocelesti abbracceranno un giocatore diverso soprattutto nella posizione in campo: da attaccante, infatti, Di Somma si è trasformato in abile marcatore del centro, pronto anche a buttarsi ai due metri in fase offensiva. Il suo allenatore alla Sport Management, Gu Baldineti, lo ha definito, salutandolo, l'Ivovic italiano: "Lo ringrazio, gli devo tanto, abbiamo avuto un rapporto speciale. Il paragone mi fa piacere, ma è una esagerazione, di strada ne ho ancora tanta da fare: magari poter diventare come Ivovic, lui è potenza allo stato puro, un fenomeno in attacco e in difesa. In questa posizione mi trovo bene, è stata un'intuizione del mister che ha visto in me le caratteristiche fisiche adatte e ha visto lungo anche in ottica Nazionale".
Proprio così, perché Di Somma è in partenza per Gwuangju dove tra una settimana comincerà la sua avventura ai Mondiali, la prima volta nella competizione iridata: "È difficile spiegare a parole quanto sia contento. Dopo l'incidente ho fatto di tutto per tornare ai miei livelli e diventare un giocatore forte, un giocatore che potesse vivere momenti come questi. I sacrifici sono stati ripagati, è una soddisfazione per me e per la mia famiglia che mi ha sempre sostenuto e alla quale devo tanto: spero sia solo l'inizio. In Corea del sud andiamo con molta umiltà, senza grandi aspettative ma consapevoli che siamo una squadra che se gioca come ha fatto in questo periodo di preparazione può dare fastidio alle big e stare nelle prime tre posizioni".
A Edoardo il benvenuto del presidente Maurizio Felugo e di tutto il club biancoceleste.