Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED https://farmacia-senzaricetta.it/ non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.

Champions, a Belgrado i biancocelesti dilagano

Europa Cup, sei biancocelesti per il Montenegro
15 Ottobre 2018
Guarda gli highlights del successo di Belgrado
19 Ottobre 2018
NEWS - ARTICOLI

Parte con il piede giusto l’avventura in Champions League della Pro Recco: a Belgrado, nella tana della Stella Rossa, i biancocelesti vincono 4-17 dilagando negli ultimi due tempi.
Non è più la Stella Rossa campione d’Europa che in casa sua, cinque anni fa, rimontò un meno quattro e si arrese alla Pro Recco solamente ai rigori. Quella di Savic però è una squadra giovane dal grande futuro. Ne dà un assaggio il classe 2000 Sulc che porta in vantaggio i suoi dopo appena due minuti. La reazione della squadra di Rudic – all’esordio da allenatore in Champions - è griffata Filipovic con la collaborazione di Aicardi che manda nel pozzetto Milojevic. Gli attacchi biancocelesti si infrangono sulle braccia di Kralj, quelle di Bijac stoppano il mancino di Radovic in doppia superiorità: nel catino della Muskatirovic è 1-1 al suono della sirena.
Alla prima azione del secondo tempo la Pro Recco passa con Ivovic da posizione 3 con l’uomo in più. Vasic pareggia su rigore e allora ci pensa il capitano biancoceleste a suonare la scossa: prima trova il pertugio per Kayes – all’esordio – poi si mette in proprio e supera Kralj sul palo corto. La Stella Rossa gira palla veloce e va a segno con Bitadze, bravo a sfruttare la sosta di Velotto nel pozzetto. La Pro Recco potrebbe riportarsi sul +2, ma Filipovic stampa sulla traversa un rigore. E così al cambio campo i ragazzi di Rudic conducono 3-4.
Dopo il botta e risposta in superiorità tra Echenique e Tankosic che apre il terzo tempo, la Pro Recco piazza il break decisivo e scappa: doppietta di Aicardi e singole di Velotto, Bukic e Kayes per il 4-10 che conduce le squadre all’ultimo tempo e, di fatto, chiude la contesa.
Savic cambia tra i pali, ma la trama della partita rimane la stessa: i campioni d’Italia dilagano con Bukic, Filipovic su rigore, Kayes, Mandic, doppio Ivovic e Molina. La Stella Rossa non ha più le forze per fare male a Bijac che chiude la saracinesca (quindici minuti senza subire reti) para il rigore di Maksimovic e inchioda il punteggio sul 4-17.
“Siamo partiti un po’nervosi, loro erano ben messi e concentrati, poi negli ultimi due tempi abbiamo giocato meglio – commenta mister Rudic a fine gara -. Era la prima partita e tutto sommato è stato un buon match”.

Per il tabellino clicca QUI